1

App Store Play Store Huawei Store

orta cappella 2

ORTA SAN GIULIO -05-10-2021 -- Si è svolta sabato 2 ottobre l’inaugurazione del restauro della I cappella del Sacro Monte di Orta, (quella che illustra la nascita di San Francesco) e la ristampa della guida dello stesso. I due eventi hanno avuto luogo nella chiesa di San Nicolao alle ore 15:00, in coincidenza con la festività di San Francesco (4 ottobre). La cerimonia ha avuto inizio con l’introduzione in cui sono stati presentati presidente dell’Ente di gestione dei Sacri Monti Antonio Maurizio de Paoli, il sindaco di Orta, Giorgio Angeleri e il presidente Fondazione Comunità Novarese Onlus, Davide Maggi. Sempre all’interno della chiesa ha avuto luogo il concerto ad opera del quartetto d’archi degli studenti dell’istituto superiore “Pietro Gobetti“ di Omegna. Successivamente, dopo la benedizione e il taglio del nastro sono stati presentati i restauri, per concludere con la visita guidata della cappella a cura di Maria Grazia Ferrari.
Questo progetto è stato realizzato da tre fondazioni: l’Ente di Gestione dei Sacri Monti, che si occupa e dirige i sette sacri monti del Piemonte (Patrimonio UNESCO), la Fondazione Cariplo e la Fondazione Comunità Novarese onlus, il cui obiettivo, da anni, è quello di riavvicinare le comunità locali alla loro cultura, valorizzandone i beni artistici.


La I cappella del Sacro Monte venne fondata e finanziata dalla comunità ortese sul finire del XVI secolo, al principio dell’ideazione del complesso sacro dedicato a San Francesco. Attraverso le sue statue e i suoi affreschi, la cappella mostra l’inizio del percorso religioso del santo, in particolare, la scena della nascita di Francesco in una stalla. La parte esterna della cappella, quella che volge verso sud, subito visibile a coloro che salgono da Orta, ospita invece un affresco raffigurante il lago accerchiato dai monti della riviera, l’insegna della comunità ortese e i suoi patroni san Giulio e san Francesco.
Il restauro è stato sostenuto e portato avanti dalla comunità di Orta e del Cusio con la collaborazione delle sue istituzioni private. Insieme sono riuscite a comprendere e rappresentare il senso di appartenenza al Sacro Monte e a trasmetterne il valore, in quanto patrimonio culturale, a giovani, anziani, amici e parenti. L’intervento alla cappella è stato condotto dal personale tecnico dell’Ente di Gestione dei Sacri monti. La ditta ICSA srl di Sesto Calende si è occupata della facciata e degli intonaci esterni, mentre gli interni sono stati curati dal restauratore Claudio Valazza di Boca.


Eleonora Groppelli

 

orta cappella 1

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.