1

App Store Play Store Huawei Store

ok.giornata ostetricia

OMEGNA- 05-05-2015- In occasione della ricorrenza della Giornata Internazionale dell’Ostetrica il Dott. Andrea Guala – Direttore del Dipartimento Materno Infantile dell’Asl Vco ricorda come l 'attenzione sulla Midwifery (termine intraducibile in italiano che indica l'arte maieutica delle ostetriche) è diventata più forte negli ultimi anni, complici forse i palinsesti televisivi che ci hanno proposto modi diversi e non sempre condivisibili di vivere la professione; il merito di questo rinnovato interesse è da attribuirsi anche alla Giornata Internazionale dell'Ostetrica che, con le sue iniziative, ha permesso alle ostetriche di essere valorizzate. Ideata nel 1991, è stata celebrata la prima volta nel 1992 ad opera dell'International Confederation of Midwives che da allora, ogni anno porta l'attenzione del pubblico su un tema ostetrico. Il 2015 festeggia questa ricorrenza con lo slogan “Ostetriche: per un domani migliore. Il mondo ha bisogno di ostetriche, oggi più che mai”. I “Millennium Development Goals” stanno per concludersi con l'assemblea delle Nazioni Unite prevista per il settembre di quest'anno dove si farà il punto anche sui tre temi ostetrici indicati: promuovere la parità dei i sessi e l'autonomia delle donne, ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute materna. Sembra saperlo molto bene la principessa Kate che ha deciso di affidarsi alle cure ostetriche per la nascita della sua secondogenita. Abbiamo visto queste professioniste giustamente orgogliose nelle foto che le ritraggono dopo la nascita della piccola principessa. É lo sguardo che le ostetriche conservano sempre dopo l'arrivo di un bambino, sia che questa nascita sia regale come quella di Charlotte Elizabeth Diana, sia che avvenga nella povertà dei ceti più umili come quella di Francesca Marina, nata sulla nave Bettica della Marina Militare. È la gioia di sostenere una donna nei suoi primi passi di madre, con i suoi modi e i suoi tempi, di accompagnarla nello scoprirsi capace e competente, è la fierezza di sentirsi legati ad un senso profondo della vita più forte delle difficoltà oggettive dei servizi, dovute a carenza di risorse o mancanza di volontà. Essere ostetrica significa entrare nei gesti più intimi di una madre, significa farsi ricordare per sempre. Un posto d'onore di questo tipo merita cura, dedizione e attenzione, per questo oggi possiamo dedicare del tempo a gioire del lavoro delle ostetriche.
 Nella nostra realtà del Vco è operativo da anni un ambulatorio di gravidanza fisiologica, dove la donna senza fattori di rischio è seguita solo dall’ostetrica e non dal medico. Lo stesso discorso vale per il parto in autonomia ostetrica. E sono ormai centinaia i casi seguiti “senza medico”, con ottimi esiti. Il Dott. Andrea Guala, unitamente alla Direzione Generale, ringrazia quindi tutte le ostetriche ospedaliere e del territorio per l’ottimo lavoro che stanno svolgendo a favore della salute delle donne e dei loro figli.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.