1

socialeomegna
OMEGNA – 23.03.2015 – Malato, dato per morente, curato e quasi salvato. Da quando, nel mese di settembre, ne era stata annunciata la chiusura, il cinema Sociale di Omegna è stato al centro di una vera e propria mobilitazione.

Nei mesi gli interventi di privati, enti e associazioni (tra cui il Comune, la Fondazione comunitaria del Vco e il Fondo Alessi) che hanno aderito alla campagna “Salviamo il Sociale” hanno dato i frutti sperati ed è stata raccolta circa metà della cifra necessaria per ripartire con le proiezioni.

Il cinema, storico (è stato costruito nel 1902) edificio della città al quale gli omegnesi sono molto affezionati, è gestito dalla Società operaia di mutuo soccorso, che ha dovuto sospendere la nuova stagione di programmazione per carenze tecniche. Tutte le pellicole, infatti, vengono consegnate e distribuite in formato digitale e le vecchie macchine sono da mandare in pensione e sostituire da mezzi più moderni.

Da qui l’esigenza di aggiornare il sistema e di reperire i fondi necessari, che sono all’incirca 60.000 euro tra apparecchi veri e propri e lavori strutturali all’edificio.  

In questo senso l’ultima iniziativa, presentata nei giorni scorsi, è un cartellone di spettacoli il cui primo è in programma mercoledì 25. Alle ore 21 al “Sociale” va in scena “Dalla commedia dell’arte a Pirandello” di e con Andrea Gherardini.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.