1

App Store Play Store Huawei Store

luce forum omegna

OMEGNA 19-02-2021 -- Omegna punta sempre di più sulla cultura e tre, in particolare, sono i progetti che si realizzeranno nel capoluogo cusiano.


E’ recente la notizia che a seguito della generosa donazione  di opere d’arte della famiglia Lagostina-Zanasi, a Omegna nascerà una pinacoteca dal restauro della Villa Liberty e questo nuovo allestimento sarà parte integrante di un interessante percorso cittadino che dal Museo Rodari di via Carrobbio si snoderà lungo la passeggiata della Nigoglia per entrare nel Forum che anch’esso verrà restaurato.


Questo 2021 sarà davvero occasione per ottimizzare l'impegno verso un obiettivo di primaria importanza: la concretizzazione di un parco letterario diffuso che segni in Omegna percorsi rodariani per scoprire e riscoprire il potere della fantasia.
Cuore di questo polo culturale sarà il Forum in gran parte riqualificato con investimenti di Fondazione MAIO, Comune di Omegna e Fondazione Cariplo. I circa €500.000 del progetto complessivo permetteranno di intervenire con giochi d'acqua, colori e percorsi di luce per tutta l'area; la struttura avrà un ristorante completamente rinnovato in forma, gestione e sostanza, un auditorium moderno e sale di coworking utili ad associazioni e privati.


La famosa collezione permanente di oggetti casalinghi avrà una nuova impostazione, i rimandi con le attività della ludoteca saranno ancora più consolidati e i flussi di visitatori saranno scambiati in modo biunivoco con il centro città, grazie a una passeggiata "lungo Nigoglia" ingrandita e arricchita di installazioni artistiche.


Tutto questo sarà possibile grazie ad un altro progetto su cui ha puntato Fondazione Cariplo, il medesimo che permetterà la realizzazione del Museo Rodari e l'interpretazione della via su cui si affaccia la casa natale di Rodari attraverso luminarie fantastiche.
Ecco, quindi, che già ora è bello immaginare Omegna arricchita e impreziosita da queste importanti novità culturali che, una volta realizzate, regaleranno ad abitanti e turisti una vera e propria esperienza nella quale immergersi per vivere la cultura in tutte le sue sfumature e in cui  i visitatori, grandi e piccoli, non saranno dei meri spettori.


“Con questi progetti riusciremo veramente a dare una significativa impronta culturale ad Omegna -asserisce Sara Rubinelli, assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione di Omegna- , innanzitutto abbiamo il progetto Cariplo che è quello che ci permette di fare il museo e tutta la passeggiata fino al Forum con una serie di installazioni nella città, una volta arrivati al Forum ecco che subentra il secondo progetto Cariplo che è quello di cui è capofila la Fondazione Maio e di cui noi come amministrazione comunale siamo ampiamente responsabili e poi, all'interno di tutto questo, ci sarà speriamo molto presto anche la pinacoteca nella Villa Liberty. Quello che io mi immagino è che per la fine del nostro mandato, quindi fra un annetto, ci sia ad Omegna veramente questa parte culturale forte… Ci sarà quindi sicuramente questo percorso fisico culturale importante ma oltre a questo è notevole il messaggio che ci sta dietro basato su quelle componenti di pensiero critico, comunicazione, scrittura, arte del pensiero, arte del dialogo, buoni ideali che è tutto ciò che oggi ci serve per essere cittadini di un mondo migliore. Devo ringraziare molto -continua l’assessore Rubinelli- la Fondazione Cariplo che ci supporta e ha capito esattamente il punto di quello che la mia amministrazione vuole fare a  Omegna.  Noi adesso abbiamo davanti un anno intenso, io sono molto attiva su questi fronti e farò di tutto affinché sia tutto pronto nel più breve tempo possibile  -conclude l’assessore Rubinelli-;    auguro buon lavoro a tutti i miei collaboratori e voglio sottolineare che  in questo non sono assolutamente da sola ma insieme al sindaco abbiamo veramente dei grandi tavoli di lavoro con grandi esperti italiani di Rodari, tra cui Pino Boero, e poi abbiamo architetti e abbiamo altresì un’interazione attiva anche con la figlia di Gianni Rodari”.

r.a.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.