1

santa caterina
BORGOMANERO - 11.09.2015 - Borgomanero sta recuperando,

uno dopo l'altro, tutti i suoi gioielli artistici. Dopo la torre della Baraggiola e la chiesa di San Nicola, domani alle 10.30 verranno presentati i restauri effettuati nella chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, situata all’incrocio tra viale Zoppis e via Monsignor Cavigioli accanto al parcheggio dell'ex area Tarditi e al ponte Araldo sul torrente Agogna. L'intervento ha riguardato la volta del pronao, la porzione di facciata delimitata dal pronao stesso e l’affresco raffigurante la martire vissuta tra la fine del terzo e l'inizio del quarto secolo. Il costo dei lavori, che sono durati tre mesi, è stato sostenuto dal club cittadino del Kiwanis grazie anche a una donazione personale del suo presidente Carlo Capone. L'antico oratorio è sempre stato un luogo di devozione particolarmente caro ai borgomaneresi. "Oggi - commenta il sindaco Anna Tinivella - soprattutto grazie all’impegno di service club e associazioni di volontariato operanti sul territorio si possono realizzare interventi importanti di salvaguardia dei tesori della nostra città". L'ingegner Capone aggiunge: "Quest'operazione ha permesso di consolidare il patrimonio culturale allo scopo di conservarlo e trasmetterlo alle future generazioni".

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.