1

124923976 3759443950734882 2786868316912607672 o

OMEGNA - 12-11-2020- E' morto nella tarda serata

di ieri nella sua casa di Pratolungo, l'imprenditore cusiano Ugo Paffoni. 75 anni, ucciso da un cancro che se l'è portato via in due mesi appena, Paffoni ha legato il suo nome all'avventura sportiva della Fulgor Omegna, la squadra di basket che - grazie alla sua passione e ai suoi investimenti - è riuscita ad approdare in serie B vincendo anche due Coppe Italia. Entrato nel mondo della pallacanestro nei primi anni 2000, l'imprenditore pur continuando la sponsorizzazione, ha lasciato circa due anni fa la presidenza della squadra, passata sotto la guida di Marco Pedulazzi e poi di don Angelo Nigro. Non di meno, Paffoni è stato un imprenditore di successo. L'impresa di famiglia sotto la sua guida è cresciuta sino a diventare uno dei marchi simbolo della rubinetteria made in Italy, con oltre duecento dipendenti. Le redini passano ora alle figlie Francesca e Daniela.
La squadra, dalle pagine FB così ricorda il presidente: "In questi 14 anni, il mondo della pallacanestro ha scoperto un uomo straordinario. Entrato in punta di piedi, Ugo Paffoni è diventato un punto di riferimento, un simbolo, un’icona. Ha legato in maniera indissolubile il suo nome a quello della nostra società. E’ stato un padre buono, comprensivo, innamoratissimo della Fulgor. Una passione sconfinata la sua, cresciuta giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno. Ha vinto, forse meno di quello che avrebbe meritato. La sua gioia da bambino a Castellanza, con il giro di campo insieme al suo amatissimo Matteo Bertolazzi, la sua felicità a Jesi e Porto San Giorgio, la sua delusione dopo la retrocessione e le finali perse, sono istantanee che rimarranno nei nostri ricordi. La Fulgor è cresciuta con lui, è cresciuta grazie a lui, è diventata quello che è grazie a lui.
Ci rimangono il suo esempio, il suo amore incondizionato, il suo commovente attaccamento ai nostri colori. E ci rimane da perseguire il suo sogno: quello del ritorno in serie A2, nel nuovo palazzetto. Lo dobbiamo a lui, per tutto quello che ha fatto per noi in questi meravigliosi, intensi ed indimenticabili 14 anni"

Foto: via Fb - Fulgor Omegna

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.