1

castello miasino

MIASINO - 28-07-2020 -- Manca il parere

della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli per ultimare la progettazione esecutiva e quindi indire la gara d’appalto per i lavori di messa in sicurezza del Castello di Miasino. E’ quanto è emersodalla risposta dell’assessore Marrone all’interrogazione presentata dal consigliere regionale del Pd, Domenico Rossi. “Faccio un appello alla Soprintendenza - dichiara il consigliere- affinché dia massima priorità alle valutazioni relative al Castello: la posta in gioco è troppo alta e non possiamo permetterci ulteriori rallentamenti per il percorso di riutilizzo sociale di un bene che ha valenza nazionale”.


Al fine di non allungare ulteriormente i tempi la Regione ha, comunque, predisposto l’avvio della progettazione esecutiva, ma senza un’autorizzazione sulla metodica di consolidamento strutturale delle volte del castello non ci sarebbe certezza sulle scelte progettuali definitive e potrebbe variare sensibilmente il quadro economico degli interventi.


“Su Miasino non possiamo più permetterci ritardi. Il rischio è che passi un messaggio pericoloso: quando c'è la mafia le cose funzionano mentre quando arriva lo Stato tutto si ferma. E’ inaccettabile. Il messaggio deve essere diametralmente opposto ed è responsabilità di tutti creare le condizioni per farlo arrivare ai cittadini ” conclude Rossi sottolineando che “con i beni confiscati e riutilizzati lo Stato si riprende ciò che è stato sottratto ai cittadini e lo rimette a disposizione della comunità per generare economia pulita, cultura e bellezza”.

 “I funzionari - ha spiegato l'assessore Marrone - hanno provveduto alla verifica del progetto, mentre l'ingegnere strutturista del raggruppamento temporaneo di professionisti ha redatto un nuovo progetto esclusivamente per le volte sottoposte a verifica da parte della Soprintendenza. Contemporaneamente, si è provveduto all'avvio della progettazione esecutiva, il cui esito potrebbe avere ripercussioni sulle future scelte progettuali nonché sul quadro economico degli interventi e sulla gara. Quanto ai tempi per arrivare al riuso, occorrerà attendere la conclusione dei lavori per indire la gara per la gestione”.

Foto credits: Regione Piemonte

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.