1

salvemini giorgio coach paffoni

OMEGNA - 10-02-2020 - Una brutta, bruttissima Paffoni

quella che ieri è incappata nella quarta sconfitta stagionale, costata il primato a vantaggio di San Miniato. 59-48 il finale al Pala958, con una Omegna lontana parente di quella ammirata fino al match con San Miniato del 5 gennaio. Ed in sala stampa coach Salvemini non accampa scuse. Anzi, le scuse le fa, a nome della squadra, ai tanti tifosi che c’erano ad Alba. “Ci dispiace per loro: ci hanno incitato dal primo all’ultimo minuto, meritavano una partita diversa. A loro dico di stare ancor più vicino ai ragazzi, perché questo è un gruppo che ha una grande cultura del lavoro" le prime parole del coach abruzzese. Che poi analizza il match. “E’ un periodo in cui in attacco, molto semplicemente, non facciamo canestro e non riusciamo a produrre tiri con i tempi giusti.  Non dobbiamo smontare tutto quello che abbiamo costruito in questi mesi, dobbiamo far prevalere la serenità e non l’ansia. Ci ritroveremo in palestra con ancor più voglia di darci dentro: con l’umiltà, la dedizione, l’attenzione possiamo tornare ad essere quelli che eravamo un mese fa. I momenti difficili ci sono sempre nelle stagioni ed è in questi momenti che lavorando insieme si costruiscono le vittorie: ora dobbiamo pensare solamente a noi", conclude il coach della Paffoni (c.s)

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.