1

fattura eletrronica

OMEGNA-31-10-2018 - Auditorium pieno ieri sera all’incontro “La Fatturazione elettronica: contenuti, modalità, adempimenti” organizzato da Confartigianato Imprese Piemonte Orientale. Davanti a più di 100 piccoli imprenditori e liberi professionisti, dopo i saluti del direttore Amleto Impaloni, la parola è passata a Lorenzo Bertalli e a David Cristina che coadiuvati da Gianni Rota hanno presentato il cambio che aspetta gli imprenditori da gennaio 2019. Infatti da inizio anno tutte le fatture, in particolare quelle fra privati, dovranno essere elettroniche e per questo sarà necessario munirsi di una PEC o ancora meglio di un codice univoco in modo tale che la fattura creata possa essere recapitata nella maniera più corretta attraverso il Sistema Di Interscambio, realizzato a livello nazionale dall’Agenzia per l’Italia Digitale con l’obiettivo di contrastare l’evasione e l’elusione fiscale e le frodi IVA. Durante l’incontro si è specificato i soggetti in regime forfettario o ex regime minimi, come gli enti non profit non dotati di partita IVA risultano esclusi da questo obbligo che riguarda tutte le operazioni di cessione di beni e prestazioni di servizi che nella loro totalità abbraccia una platea di soggetti che si aggira attorno al milione. Questo adempimento normativo segue l’entrata in vigore anche della “carta carburanti” digitale e tutte le fatture potranno esser controllate nel cassetto digitale dell’agenzia delle entrate che ha realizzato anche un software gratuito utilizzabile per l’emissione di questa nuova tipologia di documento, consistente nella generazione di un file XML. Confartigianato, grazie ad un accordo con la famosa software house Zucchetti, propone ai propri iscritti anche una serie di servizi, denominati “Digital Hub App”, “Tieni il Conto” e “AGO utente esterno”, che permetteranno a tutti gli imprenditori a seconda del numero di operazioni e della complessità delle stesse di trovare la giusta soluzione per ogni necessità ed è intenzione dell’associazione di convocare tutti gli iscritti per un check up al fine di aiutare l’aderente ad adempiere al nuovo obbligo.

Samuel Piana

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.