1

fronde informatica generico
OMEGNA – 11.07.2015 – Gli avevano rubato l’identità

della carta di credito e, on line, s’erano pagati le bollette dell’energia elettrica, ma anche biglietti aerei e del treno. Sei anni fa, a gennaio 2009, Massimo Tarrano, omegnese residente a Gallarate, aveva tentato di prelevare al bancomat una somma in contanti, ricevendo da ben due apparecchi di seguito il messaggio di errore. La sua tessera era stata disabilitata per alcuni acquisti anomali. Il direttore della sua banca, a Omegna, gli aveva spiegato che era scattato un sistema di emergenza, bloccando i pagamenti che avevano raggiunto circa 1.400 euro.

Pagamenti effettuati in simultanea da un internet point campano e da un’abitazione di Castel Volturno, in provincia di Napoli. Tramite Enel il sovrintendente di polizia Davide Andriani, specialista della questura per i reati informatici cui è stata affidata l’indagine, è risalito agli intestatari dei contatori, scoprendo che quasi tutti risiedevano nella medesima palazzina di Castel Volturno. Sono così stati scoperti e denunciati. A giudizio ci sono Gennaro Nusco, Sidonie Kiere Gouwindpoulemde, Leon Carlos Alfonso Gomez, Patience Enoghama e Massimo Capuozzo. Nei loro confronti l’accusa, sostenuta dal pm Guido Dell’Agnola, è di frode informatica e indebito utilizzo della carta di credito, in concorso tra loro e in maniera continuata.

È accertato, tuttavia, che non sono stati loro gli autori materiali dell’hackeraggio. Il sovrintendente Andriani in aula ha spiegato di essere risalito a due cittadini nigeriani, risultati irreperibili e sottoposti a altro processo, i quali avrebbero acquistato l’identità di Tarrano (che sei mesi doop è stato risarcito dal gestore della carta di credito) nel cosiddetto deep web, l’internet profondo, una rete non accessibile a tutti dove si svolgono attività lecite e illecite. L’udienza di ieri è stata aggiornata al 16 ottobre, data in cui verrà sentito l’amministratore del condominio di Castel Volturno.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.