1

rubinelli

OMEGNA- 15-12-2017- L’Assessore alla Cultura, Sara Rubinelli,

ha presentato ufficialmente “Le ricette degli omegnesi”, un progetto in embrione mosso dalla volontà di “fare comunità” attorno alla tavola riscoprendo le tradizioni culinarie del nostro territorio. “Dopo la chisciola “ritrovata” grazie all’attento lavoro di toponomastica a cura di Lino Cerutti [autore di Omegna Le vie Le piazze I personaggi], e che più volte è stata ripresa da Giorgio Rava come “pane della tradizione” incontrando, fin da subito, il consenso della presidente della Pro Loco di Omegna, Rosalma Tuissi – ha spiegato l’Assessore –, l’idea di questo progetto è coinvolgere i cittadini affinché ci inviino le ricette della loro tradizione familiare, che questa Amministrazione vorrebbe riscoprire con loro. Non chiediamo, però, il semplice invio di una o più “specialità” ma un vero e proprio aneddoto legato a quello specifico piatto o pietanza, per portare un tono di familiarità al racconto “corale” che abbiamo in mente, e che diventerà un libro da utilizzare anche per promuovere il turismo sul nostro territorio”. Concorde con lei è Riccardo Milan, Consigliere Regionale e Nazionale dell’UNPLI, l’Unione Nazionale Pro Loco Italiane, attento a sottolineare come: “Nel panorama italiano esistono realtà che hanno costruito una piccola fortuna attorno a storie dimenticate e, per certi aspetti, anche un po’ inventate. Personalmente credo che la nostra città abbia le potenzialità per ottenere una sua “identità” locale. Basterebbe riflettere sulla fortuna nata e cresciuta attorno alla produzione di una particolare tipologia di biscotti delle borghesia di fine Ottocento, chiamati in tanti modi quante sono le pasticcerie di Omegna che li producono custodendo gelosamente ciascuno la propria ricetta”. A sua volta, Vittorio Stellini, Presidente dell’Associazione Cuochi Novara e VCO, ha opportunamente sottolineato la curiosa rilevanza di un paese così piccolo come Armeno che, a pochi chilometri da Omegna, annovera da sempre tra i propri abitanti alcune delle professionalità del settore che hanno saputo distinguersi a livello internazionale. “Personalmente – ha aggiunto Stellini, che è di origini emiliane ma da 45 anni vive sul Lago Maggiore – concordo con l’iniziativa annunciata dall’Amministrazione con la quale condivido pienamente la necessità di riscoprire le tradizioni capaci di caratterizzare il territorio. Complici i mezzi di comunicazione di massa e i canali social la cucina sta cambiando anche troppo velocemente. Ricercare il giusto equilibrio tra il “nuovo” e “vecchio”, tra il “locale” e il “globale” è la via più corretta per non smarrire per strada radici e tradizioni di luoghi e persone”. Le ricette potranno essere inviate all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure fatte pervenire ad Antonella Camisasca, addetto stampa presso il Comune di Omegna.

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.