1

omegna ospedale

OMEGNA- 12-12-2017- Nel Consiglio Comunale di ieri sera ad Omegna, si è parlato di sanità e alla fine è stato votato l'Ordine del Giorno presentato dalla maggioranza che ha fatto suo il documento preparato dal Comitato a difesa dell'ospedale. Tutta la maggioranza più Mauro Empolesi e Lucia Camera hanno votato a favore mentre il Pd si è astenuto (con Dario Galizzi e Mario Altilia che non hanno partecipato al voto per evitare conflitti d'interesse). Questo il testo completo dell'Ordine del Giorno: „Il Comitato per la difesa dell’ospedale di Omegna e dei servizi sanitari del Cusio, preso atto di quanto avvenuto presso l’assemblea dei Sindaci dell’ASL VCO in sede di elezione della rappresentanza, esprime forte preoccupazione per le sorti di Omegna e del Cusio innanzitutto in tema di sanità. I fatti dimostrano la totale mancanza di attenzione, sensibilità e della benché minima solidarietà da parte di molti amministratori pubblici della provincia su taluni aspetti legati ai servizi sanitari del territorio, ma soprattutto denotano l’incapacità di sviluppare politiche territoriali condivise di alto profilo, prive di meschine convenienze di parte. Questo clima di ostilità, unito alla mancata stabilizzazione del COQ, al continuo e strisciante depauperamento dei servizi sanitari (oncologia, centro di salute mentale, emergenza, oculistica), alla penalizzazione del Punto di Primo Intervento, all’assenza di una adeguata medicina territoriale ed al mancato avvio della “Casa della salute”, inducono a pensare che Omegna ed il Cusio siano i bersagli di una volontà di emarginare questo territorio, soprattutto in tema sanitario. Il Comitato fa appello a tutte le forze politiche ed ai rappresentanti istituzionali, affinché in questo particolare momento venga accantonata ogni di tipo di divisione, al fine di garantire una risposta unitaria, forte e determinata per il futuro ed il bene della città di Omegna. Chiede, dunque, un segnale vigoroso e tangibile di testimonianza per rassicurare la popolazione attraverso una necessaria coesione e comunione d’intenti di tutta la città, per dare inoltre dimostrazione ai soggetti esterni ostili della presenza di un territorio unito. Per quanto sopra, chiede l’approvazione di un unico ordine del giorno a difesa della città e del Cusio affinché - si operi nei confronti delle forze politiche e dei Sindaci del VCO per giungere a riconsiderare le nomine scaturite presso la rappresentanza dei Sindaci dell’ASL VCO, al fine di consentire la partecipazione della città di Omegna;

- si ottengano finalmente risposte chiare e certe da parte di Regione Piemonte e ASL VCO sulla stabilizzazione del COQ;

- vengano date certezze sul mantenimento del Punto di Primo Intervento, attuando nel contempo la riapertura notturna;

- venga attivata una incisiva e pressante azione nei confronti della direzione di ASL VCO in merito alle problematiche in premessa riportate, relative ai servizi sanitari del centro di salute mentale, dell’oncologia e dell’oculistica;

- si ritorni a discutere del protocollo d’intesa, ora scaduto, relativo alla riorganizzazione sanitaria dell’ASL VCO e della realizzazione del nuovo presidio ospedaliero;

- vengano attivate azioni di sensibilizzazione ed eventualmente di mobilitazione della popolazione, dell’associazionismo e dei Comitati in merito al precario contesto sanitario di Omegna e del Cusio.

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.