1

ex canottieri copertina

OMEGNA- 31-08-2017-  La fine dell'estate porta novità nei vari assessorati che compongono la neonata Giunta. A chiusura della festa patronale di San Vito il termine turismo non si eclissa ma resta argomento vivo e tra i principali, necessari per far ripartire economicamente la città. Quattro persone hanno realizzato un progetto per risistemare in modo funzionale l’area che comprende la vecchia sede della Canottieri e la spiaggia pubblica. Il progetto, che è frutto dell’ingegno e del lavoro svolto da Adriano Ecclesia, Daniele Berio, Andrea Alessi e Alessandro Ciapponi, è stato già presentato alla passata Amministrazione comunale e votato in Consiglio Comunale. Lo ricorda bene Mattia Corbetta che sedeva nei banchi di minoranza e oggi, assessore al Turismo, lo riguarda con nuovi occhi assieme al sindaco Paolo Marchioni. L’intera area denominata ex Canottieri è divisa in quattro proprietari. Una zona è comunale, una del demanio, una dell’Asl e una di privati. Appena terminate le ultime operazioni burocratiche relative all’acquisto da parte dei privati “per altro subito disponibili” come ha precisato Corbetta, il Comune potrà proseguire con un bando per la scelta del progetto. Ovviamente oltre ai quattro autori sopracitati potranno partecipare anche altri. E’ però importante sapere che verrà premiato il progetto che non si limiterà a presentare modifiche strutturali e nuove parti, ma chi darà delle indicazioni sulla gestione complessiva della nuova realizzazione. “Sicuramente non verranno toccati gli immobili attuali la cui età anagrafica credo superiore o pari ai 100 anni di età, li considera edifici storici e quindi da tutelare - ha aggiunto Corbetta. E’ prevista la realizzazione di un ristorante bar su due livelli, la sistemazione dell’area verde che si spingerà attorno al monumento all’Alpino, confinante, e verso l’altro confine, ovvero dove vi sono i parcheggi dell’ospedale. Si valuterà man mano: sarà privilegiata l’area verde che contorna la costruzione. Non verrà toccata la spiaggia pubblica che resterà tale”. Se i tempi verranno rispettati per la consegna di documenti e domande entro fine anno- inizio anno nuovo 2018, potranno partire i lavori e con un certo ottimismo gli attuali amministratori auspicano che ci potrebbe essere un taglio del nastro proprio in occasione dell’edizione 115 di San Vito. Sarà così? Corbetta precisa: “Non possiamo avere la certezza che tutti i lavori saranno completati per fine agosto 2018; ma non è da escludere che questo avvenga”.

 

 

ex-can-3.jpgex-can-2.jpgex-can-1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.