1

diserbo copertina

GRAVELLONA TOCE- 25-08-2017- “Le nuove norme sui fitofarmaci possono determinare seri problemi alla popolazione e agli enti locali”. E’ quanto ha scritto in un comunicato stampa il primo cittadino Gianni Morandi, sollevata da alcuni gravellonesi che segnalavano la presenza di erbe e fluorescenza cresciute sui marciapiedi e nelle strade comunali.   Morandi, nella nota inviata ai media afferma: “Emerge chiaramente che l’entrata in vigore delle nuove norme sull’uso dei prodotti fitosanitari, in ambito urbano e nelle aree frequentate dalla popolazione o da gruppi persone vulnerabili, ristringe per gli enti locali l’ambito di utilizzo in ambito urbano dei diserbanti per la pulizia della flora infestante”. E ancora: “La normativa stabilisce che in ambiente urbano le autorità locali, sia che devono affidare la gestione del verde mediante gara o eseguire in proprio i lavori di diserbo della flora infestante, devono predisporre un piano che individui le aree dove il prodotto chimico è vietato e dove il mezzo chimico può essere utilizzato”. Dunque, le nuove normative vietano l’uso dei diserbanti chimici, nelle aree e luoghi più frequentati dalla popolazione o dai soggetti a rischio quali le aree a verde, le piazze, i parchi giochi e cortili. E’ quindi evidente che quanto veniva applicato nei precedenti anni ciò non è più consentito. Per tutelare maggiormente la salute della popolazione -sottolinea Morandi- stiamo facendo una ricognizione delle aree in oggetto di intervento, con valutazione del livello di rischio e di quali procedure sono da applicare. Attualmente siamo in una fase di definizione della mappatura del territorio comunale al fine di individuare le aree dove l’uso del diserbo chimico rimarrà vietato e, dove, attraverso la predisposizione di un idoneo piano, saranno possibili anche interventi chimici associati ad altre tecniche”. (G.P.C.)

 

diserbo-1.jpgdiserb0-2.jpgdiserbo-3.jpg

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.