1

Gravellona Panorama

GRAVELLONA TOCE- 22-08-2017- La strage avvenuto lo scorso fine settimana nelle Ramblas a Barcellona, ha provocato una forte indignazione e di sconforto, tra la comunità islamica gravellonese, per la morte di 15 persone inermi: donne, bambini, giovani, anziani e per l’attentato nella città di Cambrils in Spagna e a Turcu in Finlandia. I musulmani del centro islamico tocense sono preoccupati per i recenti attentati compiuti da una cellula di terroristi jihadisti, a Barcellona in Spagna: “Non appena abbiamo saputo della strage a Barcellona siamo tutti rimasti esterrefatti”- è il primo commento del presidente dei musulmani gravellonese. “La comunità islamica gravellonese e del Vco -afferma Rachid Fritah, presidente del centro culturale di Gravellona Toce- condanna questi atti di terrorismo che hanno privato la vita a donne bambini e anziani e fomentano l’odio nel mondo e tra i fratelli musulmani”. C’è molta fermezza nelle affermazioni del responsabile della comunità islamica gravellonese. “Questi non sono nostri fratelli –ha aggiunto- ma solo dei criminali”. Fritah inoltre è rimasto basito nell’apprendere la notizia che sia stato un iman a formare i giovani jihadisti e assassini in Spagna. “Esprimiamo tutto il nostro cordoglio e vicinanza come musulmani -dice il presidente del più importante centro culturale islamico del Vco- alle famiglie delle vittime colpite da questi atti indicibili e criminali. Atti di terrorismo che fomentano solo odio contro la comunità musulmana. Il Corano –ha poi precisato- non insegna a uccidere ma ad amare le persone, la pace e la giustizia tra tutti i fratelli di ogni fede religiosa”. Domenica sera, presso il centro islamico di Gravellona Toce, in occasione della consueta preghiera serale, sono state ricordate le vittime colpite dagli attentati in Spagna e in Finlandia. (G.P.C.)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.