1

san francesco orta
ORTA - 24.04.2015 - Venerdì 8 maggio, ore 18.

Nel salone di villa “San Francesco”, che da alcuni giorni ospita alcuni profughi, si terrà un incontro fra i frati minori del Piemonte, proprietari della struttura, i gestori, gli ospiti della casa e la cittadinanza "in modo da dare a tutti i cittadini di Orta - così si legge in una nota - la possibilità di essere informati su un tema così delicato e soggettivo".

L'edificio situato in frazione Legro da oltre due anni risulta inutilizzato, tanto che i religiosi hanno in diverse maniere cercato di trovare una soluzione per ovviare all'inutile costo dell'immobile ed evitare il suo degrado. Hanno anche proposto alla precedente amministrazione di Orta di collocare in quell'edificio la scuola media. "Ma quest'idea - afferma il comunicato - è stata respinta dal Comune. Ebbene: la nostra fraternità, alla luce dell'arrivo di numerosi uomini e donne in fuga disperata da situazioni di guerra e persecuzione, ha sentito il dovere di rispondere a questa situazione attraverso un gruppo di persone resosi disponibile ad affrontare questa emergenza nello spirito di un'accoglienza fraterna e di uno spirito educativo".

I frati minori hanno chiesto alla cooperativa incaricata della gestione "di predisporre un progetto di impegno che coinvolga quotidianamente gli ospiti, senza che siano abbandonati a loro stessi in un ineducativo vagabondare". L'attuale destinazione d'uso di villa “San Francesco” - viene precisato – non è comunque definitiva. "Rimaniamo aperti ad altri fini – concludono i religiosi - possibilmente a favore della collettività".

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.