1

coq omegna due 16
OMEGNA – 26.03.2016 – Il dialogo s’è aperto

e il futuro pare meno fosco. Il botta e risposta a distanza sulla sanità che nelle ultime settimane ha tenuto banco nel Cusio e nel Vco ieri ha avuto un primo punto fermo con l’incontro tra il direttore generale dell’Asl Vco Giovanni Caruso, il presidente della General de Santè Italia Giuseppe Zolzettich e l’ad del Coq Gianmaria Battaglia. Un incontro distensivo, che chiude le schermaglie a mezzo stampa partite all’indomani dell’annuncio che la Regione avrebbe cancellato dalle attività del Coq quelle specialità mediche non strettamente legate all’ortopedia, vocazione dell’ex Madonna del popolo. La notizia aveva messo in agitazione Battaglia, che aveva esternato il rischio di chiusura dell’ospedale e di abbandono da parte del socio privato, che con questa decisione rischia di perdere una significativa fetta dei sui introiti.

Questi ragionamenti Zolzttich li ha espressi l’altra sera al Forum, intervenendo all’incontro pubblico sul tema della sanità. Un incontro che è stato utile per far emergere la netta presa di posizione di Omegna e del Cusio contro il depotenziamento del Coq e, in qualche modo, indurre la Regione a mediare.

Ieri mattina il faccia a faccia nella sede dell’Asl ha riaperto il dialogo. Al termine dell’incontro le parti hanno diramato una nota congiunta nella quale, ferme restando “le indicazioni regionali volte a razionalizzare la sanità”, s’è preso l’impegno di “garantire la continuità dei servizi attualmente erogati ad Omegna dal Coq, con l’obiettivo di salvaguardare le eccellenze già realizzate e rafforzare le attività indirizzate all’Ortopedia e Riabilitazione”. “I soci hanno preso atto delle preoccupazioni espresse dalla cittadinanza e nell’ottica dell’imminente incontro in Regione Piemonte hanno condiviso indirizzi di massima – si legge nella nota –, convergendo su aspetti sostanziali di comune interesse, proseguendo il lavoro di analisi degli aspetti operativi conseguenti”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.