1

classe c mercedes
GRAVELLONA T. – 23.03.2016 – L’imprenditore

che l’aveva acquistata in leasing ne aveva denunciato il furto, ma l’auto in realtà era già nell’est Europa, probabilmente con la sua complicità. Antonio Zavettieri, di Gravellona Toce, è a processo a Verbania per quanto accaduto nel settembre del 2012. Il 21 ai carabinieri della locale stazione denunciò il furto della sua Mercedes classe E che sarebbe avvenuto il giorno prima a Arona, nel parcheggio della stazione. Nell’esaminare la domanda di risarcimento, l’Unipol, sua compagnia assicurativa, s’affidò a un’agenzia di investigazioni specializzata in veicoli di lusso, che scoprì l’inghippo.

Oggi in tribunale a Verbania ha testimoniato l’uomo che, per conto della Cieffe investigazioni, segue in mezzo mondo le sorti delle auto rubate. E ha chiarito quali sono i meccanismi di frode più seguiti. Nel caso di specie ha spiegato di aver effettuato una ricerca nelle banche dati dei paesi dell’Est nei periodi a ridosso della denuncia e di aver scoperto che il 12 luglio, cioè prima che Zavettieri si recasse dai carabinieri, quella Mercedes era transitata dalla frontiera ucraina guidata da un cittadino romeno – poi rientrato al volante di un’altra vettura – senza più uscire. Alle dogane di quei paesi per cui non vale la carta verde assicurativa – ha chiarito il consulente – vengono schedate le auto (dal numero di telaio e non solo di carta) e chi le guida, in modo da avere una corrispondenza in caso di sinistri. Alla stessa dogana vengono stipulate polizze ad hoc che estendono l’rc auto anche a quei paesi. Per poter entrare, inoltre, se il guidatore è persona differente dall’intestatario del libretto, occorre una delega specifica. Presumendo che questa ci fosse e ritenendo che la denuncia sia stata fasulla, il pm Chiara Radica ha chiesto per l’uomo una condanna a 9 mesi. Il suo difensore d’ufficio, Luca Molino, ha chiesto il minimo della pena ma ha sottolineato come non si possa – secondo lui – accettare come parte civile la compagnia assicurativa dal momento che non ha risarcito e non essendo Unipol la società di leasing.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.