1

berlusconi silvio
TORINO – 08.03.2016 – Tornano d’attualità

il bunga-bunga e le serate di Arcore. Sono passati ormai sei anni dallo scandalo che ha coinvolto l’ex premier Silvio Berlusconi e che ha visto come testimoni e parti civili due ragazze piemontesi: Ambra Battilana e Chiara Danese. Quest’ultima, gravellonese, insieme all’amica aveva partecipato, su invito di Emilio Fede e senza sapere a che cosa andasse incontro, a una delle serate nella villa di Berlusconi, raccontando poi tutto durante il processo celebrato a Milano. A rappresentare entrambe un avvocato torinese, Patrizia Bugnano, già senatrice dell’Italia dei valori. Nei suoi confronti il Cavaliere aveva in più occasioni espresso giudizi negativi, affermando che le due giovani testimoni erano state in qualche modo plagiate dalla Bugnano, che per questo s’era rivolta alla giustizia querelandolo per diffamazione. Ieri a Torino si sarebbe dovuto aprire il processo, ma nel frattempo Berlusconi ha trovato un accordo economico – i termini sono riservati – per la remissione della querela e l’estinzione del reato.  

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.