1

mellano aide
OMEGNA – 28.02.2016 – Non risponde direttamente,

ma non nega. Prende tempo e, con cortesia, evita di dare una risposta puntuale. Ma la querela è tutt’altro che un’ipotesi. Maria Adelaide Mellano è arrabbiata. Molto arrabbiata, ce l’ha con quegli esponenti della minoranza di centrodestra che, sulla vicenda della zattera, l’hanno accusata più volte di aver provocato un danno erariale e di aver favorito l’associazione Omegna social network. “Credo che se uno fa certe affermazioni, o è in grado di provarlo oppure ha commesso calunnia”, dice Mellano, che di questa vicenda ne ha parlato ancora di recente, sia nell’entourage politico del Partito democratico omegnese, sia della giunta, ventilando l’ipotesi di sporgere una querela per diffamazione e di intraprendere un’azione legale. Alla domanda se ha presentato denuncia o la presenterà, Mellano non dice no e abbozza un “posso non rispondere?”. Non si vuole sbilanciare ma, nel merito, ha le idee chiare e è molto risentita. “Sono stata accusata spesso da queste persone di incapacità – commenta –. È un modo ignobile di fare politica ma lo accetto: è critica. Non accetto però che si dica che ho promosso come amministratore cittadino azioni clientelari e che ho causato un danno erariale”.

Sul clientelismo, Mellano replica facendo notare che “la zattera non interessava a nessuno se non all’associazione Omegna social network: anche volendo, come avrei potuto scegliere altri”. Sul danno erariale “che nella peggiore delle ipotesi, se anche la ricostruzione della vicenda fosse vera, ma non lo è, sarebbe mancato guadagno di 17.000 euro per una struttura inutilizzata e destinata altrimenti a deperire”, contrattacca: “è singolare che si accusi questa Amministrazione quando quella precedente ha versato 2,8 milioni di euro a Spl per la gestione degli impianti sportivi senza controllare come venissero spesi i soldi”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.